LE NÉMÈS

Vi state chiedendo il significato di questo famoso copricapo faraonico chiamato "Nemes"? Ti piacerebbe scoprire quali erano le altre antiche corone dei faraoni?

Sei capitato nel posto giusto: da appassionati dell'antico Egitto, siamo qui per rispondere a queste due domande!

Il Nemes è senza dubbio il copricapo faraonico più conosciuto perché era il più rappresentato nell'arte egizia. Simbolo di sovranità e divinità, semplice e complesso allo stesso tempo, è uno degli attributi imprescindibili dell'antico Egitto.

In questo articolo scoprirai:

  • Il significato e la storia del Nemes
  • Le altre corone dei faraoni che possono sostituire il Nemes in diverse situazioni

Dopo questo articolo, gli attributi dei faraoni, compreso quello dei Nemes, non avranno più segreti per te.

Scopriamo tutto questo insieme!

1) Il Nemes dei faraoni

A) La storia di Nemes

Simbolo dell'antico Egitto , il Nemes è un tessuto rettangolare a strisce blu e dorate indossato dai faraoni egiziani.

La forma del Nemes deriva dalla criniera del leone egiziano. Infatti, gli antichi egizi ritenevano che se il leone è il re di tutti gli animali, il faraone è il re di tutti gli esseri umani. Quindi, anche il sovrano della valle del Nilo ha il diritto di possedere un uomo-leone.

Questa corona copre anche l'intera nuca e talvolta si estende fino alla schiena. Ha anche due paia di grandi lembi: uno che copre entrambe le orecchie e l'altro che pende su entrambe le spalle. Per essere indossato correttamente, il tessuto del Nemes era quindi piuttosto rigido.

Come mostrano molte statue, il Nemes viene solitamente indossato con la doppia corona Pschent (come potete vedere nell'immagine qui sotto). L'esistenza dei Nemes risale alla Terza Dinastia , durante il regno del faraone Djoser. In effetti, la prima traccia di questo indumento si trova sulla statua seduta di Djoser, che riposa all'interno della sua piramide a gradoni.

Statue di faraoni Su queste statue poste a guardia dell'ingresso di una tomba si possono vedere alcuni attributi dei faraoni: la "corona di Nemes", la "barba finta faraonica" e la "corona di Pschent".

B) Il significato di Nemes

L' uso di Nemes è generalmente statuario e funerario . Infatti, può essere visto indossato dalle statue delle dee Iside e Nefti nel loro ruolo in lutto per la morte di Osiride.

Quando un faraone veniva raffigurato sotto forma di sfinge, solitamente indossava questo copricapo con la barba finta, il che confermava che il Nemes somigliava alla criniera di un leone. Il Nemes viene rappresentato anche quando il faraone è rappresentato da un falco.

Faraone che trasporta il Nemes Il Nemes è il copricapo più rappresentato dalle vestigia egiziane, sia per onorare i faraoni che le faraoesse.

Sulla parte anteriore di questa corona era fissato il simbolo sacro dell'Ureo che rappresentava la divinità del re: la dea cobra Wadjet .

Una delle rappresentazioni più famose del Nemes è la maschera dorata della mummia di Tutankhamon, che ha strisce blu fatte di lapislazzuli intarsiati.

2) Le altre corone egiziane

Quella di Nemes non è l'unica corona a disposizione del faraone.

Ce ne sono altri che venivano indossati per occasioni speciali e cerimonie.

A) Il Pschent

Corone egiziane La seconda corona più famosa dei faraoni è la corona Pschent . Il Pschent è composto da altre 2 corone complementari:

- La corona Hedjet : una corona bianca che rappresentava l'Alto Egitto (la parte meridionale dell'antico Egitto). Ha la forma di un berretto sobrio che si assottiglia dal basso verso l'alto. Il colore bianco non è scelto a caso. Secondo le antiche credenze egiziane designa l'aura di protezione concessa al faraone dalla dea avvoltoio Nekhbet (la divinità che incarna tutti i territori considerati appartenenti all'Alto Egitto) .

- La corona Decheret : una corona rossa che rappresentava il Basso Egitto (la parte settentrionale dell'antico Egitto). Questa corona rappresenta l' aura di protezione della dea cobra Wadjet (la divinità che incarna tutti i territori considerati appartenenti al Basso Egitto) .

L'unione di queste due corone forma poi la corona Pschent . La combinazione di queste due corone è altamente simbolica poiché testimonia l'unificazione delle due metà dell'Egitto in un unico regno grande e ricco .

B) Il Khepresh

La Khepresh è un'altra corona emblematica dell'epoca dei faraoni.

È un copricapo blu tempestato di punti bianchi o gialli e decorato con un cobra sul davanti. Era fatto di morbida pelle e oro. Il suo significato è molto diverso dalle altre corone perché è una corona di guerra .

La sua prima comparsa avvenne nel secondo periodo intermedio dell'Egitto (1600 a.C.). L'uso di questa corona era abbastanza ben studiato: in battaglia il faraone doveva sempre condurre i suoi soldati sul suo carro da guerra. Aveva quindi bisogno di un elemento che lo distinguesse dagli altri uomini sul campo di battaglia .

Ramses II, il faraone guerriero Ramses II è ben noto per le numerose guerre che ha combattuto, quindi la Khepresh è una delle corone che ha indossato di più.

Oggi, tuttavia, gli egittologi pensano che il Khepresh fosse più un "oggetto cerimoniale" . Si trattava probabilmente di una corona simboleggiante il trionfo che i faraoni indossavano al ritorno dalle vittoriose campagne militari.

C) L'Atef

Infine, un'ultima corona è molto presente nell'antico Egitto: l' Atef . Questa corona è ereditata direttamente dal perfetto faraone Osiride , dio della fertilità e dell'eterna resurrezione.

Questa corona ha un significato speciale poiché riprende la forma di quella indossata dal dio Osiride (considerato il leggendario primo faraone ad aver regnato sull'antico Egitto ).

È costituito da una "mitra bianca" (una specie di berretto allungato come l'Hedjet) con due strisce verticali a forma di piume sui lati. Queste due piume sono le stesse indossate dalla dea della giustizia Maat nella mitologia egizia. Tuttavia queste due piume possono essere collegate anche alle piume del falco e quindi al dio Horus.

IL Atef è quindi legato a molte divinità egizie ed è la prova della sovranità dei faraoni .

3) Gli altri attributi dei faraoni

Oltre alle corone e al Nemes ci sono anche molti altri attributi che testimoniano il potere degli antichi faraoni. Dato il loro numero, presenteremo solo i più importanti.

A) La barba finta

La falsa barba faraonica è un altro accessorio che veste la testa del faraone. Come indica il nome, si tratta di una barba finta il cui uso è riservato al re d'Egitto . La falsa barba egiziana è rettangolare, curva o integrata nelle maschere ma è sempre realizzata in oro. Deve essere sempre indossato quando è presente il faraone o presiede una cerimonia.

La barba finta è un oggetto di grande valore dal forte significato simbolico che viene quindi trasmesso di generazione in generazione tra i faraoni.

Questa falsa barba faraonica è il simbolo della postura divina del faraone e del suo ineguagliabile potere nel suo regno . Infatti, proprio come l'Atef, la falsa barba è considerata ereditata dal primo di tutti i faraoni: Osiride.

Barbe e Faraoni Il sarcofago di Tutankhamon è uno dei sarcofagi più riccamente decorati dell'antico Egitto (sul quale possiamo osservare una rappresentazione della falsa barba faraonica).

B) Gli scettri egiziani

Gli scettri sono anche importanti emblemi del potere. Anche in questo caso ce ne sono molti, ma i più conosciuti sono i seguenti:

- L'Heka è lo scettro che rappresenta il potere nel Basso Egitto. Si tratta di un bastone da pastore accorciato, che ricorda il ruolo del faraone nella guida del suo popolo.

- Il Flagello , invece, è lo scettro del potere nell'Alto Egitto. Testimonia anche la capacità di comando del faraone grazie alla sua forma: una frusta.

- Lo scettro Was che rappresentava lo scettro di Set (il dio del deserto) e di Anubi (il dio della rinascita) e simboleggia il legame tra questi due dei e il faraone.

Un simbolo egiziano!

Adesso sai tutto quello che c'è da sapere sul copricapo più famoso dei faraoni: il Nemes. La sua forma, composizione e il suo significato non sono più un mistero per te .

Inoltre, avete potuto scoprire anche gli altri attributi dei faraoni che vanno di pari passo con i Nemes.

Sei diventato un esperto di copricapi egiziani e altri attributi faraonici! Ma è bastato a soddisfarti?

Se la storia dei faraoni e della loro civiltà ti interessa tanto quanto noi, offriamo una vasta gamma di collane, bracciali e anelli legati alla loro eredità.

Scopri i nostri anelli semplicemente cliccando sull'immagine qui sotto!

Il simbolo dell'Egitto