Isis, the Egyptian goddess

DEA EGIZIA DELLA MAGIA

Desideri sapere chi era Iside, dea della magia e sorella-moglie del faraone Osiride? Vuoi tuffarti nel mito di Osiride in cui Iside gioca un ruolo chiave?

Sei arrivato nel posto giusto: affascinati dagli dei dell'antico Egitto, saremo felici di raccontarti la bellissima storia della dea della magia.

Iside è la dea egiziana della magia. È la sorella di Osiride, Set e Nefti. Avendo sposato Osiride, cercherà di resuscitarlo (dopo il suo assassinio da parte di Set), proteggendo allo stesso tempo Horus, suo figlio, con l'aiuto di Thoth, Nephthys e Anubis.

In questo articolo scoprirai:

  • Il mito dell'assassinio di Osiride, fratello e marito di Iside
  • Come Iside protesse suo figlio Horus dal dio malvagio egiziano Set
  • L'albero genealogico di Iside contenente tutti i membri della sua famiglia divina
  • Gli attributi di Iside nell'antico Egitto

Alla fine di questo articolo saprai tutto sulla dea dei segreti e della magia.

Cominciamo con una piccola presentazione di Isis!

1) Iside nella mitologia egiziana

Iside è la dea egiziana della magia, della fertilità, della maternità, della guarigione e della rinascita . Iside è una divinità che divenne così popolare in Egitto che il suo culto fu importato e parzialmente adottato anche in Europa (soprattutto in Grecia e nell'Impero Romano).

Nella mitologia egizia nasce il primo giorno della creazione del mondo. Infatti, è la prima figlia di Geb (il dio della Terra) e Nut (la dea del cielo).

È la sorella di Osiride (che in seguito divenne suo marito), Set e Nefti . Iside è la madre di Horus, il dio dalla testa di falco (un figlio avuto da Osiride) .

Al tempo dei faraoni, Iside era conosciuta come Auset, Aset ed Eset. Tutti questi nomi significavano "guardiano del trono" nell'antico egiziano. Questi nomi si riferiscono al suo ruolo nell'abdicazione del re degli dei Ra, il dio supremo originario, sostituito da Horus grazie a Iside.

papiro decorato con geroglifici Un papiro decorato con geroglifici tratti dal "Libro dei Morti". Da sinistra a destra: Iside, Ra, Horus e Hathor (moglie di Horus).

A) Il mito di Horus

Questa storia inizia in modo pacifico: il perfetto dio-faraone Osiride regna sull'Egitto insieme a sua sorella-moglie Iside. Questo maestoso sovrano porta pace e prosperità in Egitto. Eppure non poteva andare tutto così bene. Set , il fratello di Osiride, geloso di lui, iniziò a complottare contro Osiride .

Ad un grande banchetto in onore di Osiride, Set portò un grande e splendido baule la cui forma replicava sorprendentemente la morfologia di Osiride. Set affermò che avrebbe offerto questo baule a chiunque fosse riuscito a entrarci. Poiché il baule era stato progettato per adattarsi esattamente alle dimensioni di Osiride, tutti gli ospiti ovviamente fallirono.

Quando fu il turno di Osiride di provare lo scrigno, rimase doppiamente sorpreso . Primo perché l'ha trovato più o meno della sua taglia. In secondo luogo, perché Set inchiodò la cassa non appena Osiride vi fu installato prima di gettarla nel Nilo. Questa cassa divenne il primo dei sarcofagi dell'Egitto con la morte per annegamento di Osiride.

Questa azione subdola devastò Iside, che decise di trovare il sarcofago di Osiride in modo da poterlo piangere. Lo trovò intarsiato nel legno di una colonna nel palazzo di un re in una terra lontana (il re era copto, nubiano o ittita, a seconda della versione del mito). Iside recuperò la colonna (e quindi il sarcofago) guarendo il figlio del re da una grave malattia.

Riporterà poi il corpo di Osiride in Egitto per dargli una degna sepoltura. Un incantesimo permise poi a Iside di dare la vita a suo marito nel corso di una sola notte, cosa che le permise di rimanere incinta di Horus.

Eppure, durante una festa di incoronazione, Set trovò la bara di Osiride (nascosta da Iside vicino al fiume Nilo). In un impeto di rabbia, il nuovo faraone d'Egitto tagliò il corpo di Osiride in quattordici pezzi . Ancora una volta alla ricerca del corpo di Osiride , Iside attirò con le sue lacrime la moglie di Set, Nefti . Nephthys aiutò Iside a trovare tredici dei quattordici pezzi. Tuttavia, un grosso pesce del Nilo mangiò e digeriva l'ultimo pezzo.

La fatale scomparsa di quest'ultimo pezzo fu uno shock per Iside, perché senza di esso Osiride non avrebbe più potuto appartenere al regno dei vivi. Di conseguenza, dopo la mummificazione, l'anima di Osiride si unì al Tuat, il mondo egiziano dei morti.

Iside, la dea egiziana della magia Iside, la dea egiziana della magia.

Dopo la partenza di Osiride, Iside venne rapita da Set che voleva farne la sua seconda moglie. Tuttavia, Thoth , un dio dalla testa di ibis particolarmente comprensivo, la aiutò a scappare.

Iside in seguito divenne amica di sette dee scorpione (Maatet, Befen, Mestet, Mestetetef, Petet, Thetet e Tefen) che aiutò ad attraversare un fiume portandole tra le sue braccia. In segno di gratitudine, le dee scorpioni la proteggevano da Set. Ciò ha permesso a Iside di viaggiare fuori dall'Egitto per poter allevare discretamente Horus lontano dal pericoloso Set.

Tuttavia, il giorno della sua nascita, Horus urlò così forte che Set si rese presto conto dell'esistenza del figlio di Osiride. Per impedire a Horus di reclamare un giorno il trono di suo padre, Set voleva che il bambino fosse ucciso. Allo stesso tempo, Tefen, la più giovane delle dee scorpioni, era gelosa di Iside, che al suo posto era diventata il centro di interesse della sorellanza delle dee scorpioni . Tefen litigò con le sue sorelle e lasciò la famiglia.

Incapace di avvicinarsi a Horus, che era ancora protetto dalle altre dee scorpioni , Set lanciò un incantesimo per costringere Tefen a tornare da Iside per uccidere discretamente il giovane Horus.

Tuttavia, ricordando i bei momenti trascorsi con Iside e le sue dee scorpioni sorelle, Tefen preferì pungersi con il suo pungiglione di scorpione piuttosto che uccidere l'unico figlio di colei che alla fine divenne la sua nuova sorella. Pertanto, Tefen ha rovinato i terribili piani di Set a costo della sua vita.

B) Il mito di Ra

Un'altra leggenda racconta come Iside rubò gli onnipotenti poteri di Ra per darli a Horus . Iside ha rubato parte del suo sangue a Ra durante il sonno. Lo mescolò poi con la terra dell'Egitto per creare un serpente estremamente velenoso.

Iside ordinò al serpente di preparare un controveleno prima di mordere Ra mentre quest'ultimo stava ancora dormendo. Risvegliato da un dolore immenso, Ra uccise all'istante il povero serpente. Iside allora promise a Ra di guarirlo se gli avesse dato il suo nome magico. Ogni dio infatti possedeva un nome segreto che chiunque poteva potenzialmente pronunciare per impartirgli ordini. Ra, che si contorceva dal dolore, cedette al ricatto.

Con il nome ormai noto, Iside costrinse Ra ad abdicare e fece di Horus, il suo amato figlio, il re degli dei.

C) La grande famiglia di Iside

Per visualizzare meglio la famiglia degli dei egiziani di Iside, ecco il suo albero genealogico. Troverete sotto questo albero una spiegazione!

piramidi cairo nubiano akhenaton

Gli antenati di Iside

  • Bisnonno : Ra , il padre di tutti gli dei, il creatore dell'universo .
  • Nonno : Shu , il dio dell'aria .
  • Nonna : Tefnut , la dea del Sole, che illumina l'Alto e il Basso Egitto .
  • Padre : Geb , il dio della terra .
  • Madre : Nut , la dea del cielo .

I fratelli e le sorelle di Iside

  • Fratello (e marito) : Osiride , il dio dei morti e della resurrezione .
  • Fratello : Set , il dio del male e dell'oscurità .
  • Sorella : Nephthys , la dea protettrice delle anime .

I discendenti di Iside

  • Figlio : Horus , il dio del cielo, il dio dei faraoni e della regalità .
  • Nipote : Anubi , il dio dell'imbalsamazione. Anubi è il figlio di Osiride e Nefti (che si travestì da Iside per sedurre Osiride). Anubi fu abbandonato alla sua nascita nel deserto da Nefti, che temeva che Set venisse a conoscenza di questa unione illegittima. Iside trovò Anubi e lo allevò come suo figlio.

1) Gli attributi di Iside

A) I nomi di Iside

Iside è comunemente chiamata la "Dea dai diecimila nomi" .

Sebbene questa affermazione sia esagerata , porta ancora molti nomi (circa 90 secondo gli egittologi, gli storici dell'Egitto), di cui i più conosciuti sono Aset, Asarte, Aust, Eenohebis, Eset, Esu, Hesat, Iahu, Unt, Urethekau, e Werethekau.

A seconda delle epoche egiziane, Iside a volte assumeva anche i nomi e gli attributi di due dee egiziane: Sekhmet (la dea dalla testa di leone) e Hathor (la dea dell'amore, della bellezza e della gioia). Alcune città greche adoravano anche Iside che sostituiva le loro dee Persefone (dea dell'agricoltura e moglie del dio Ade) e Atena (dea della strategia militare e degli artisti).

E non è tutto. Iside è anche conosciuta con molti titoli che le sono stati dati per i ruoli che ha interpretato nei miti egizi, come:

- Thenenet : significa "dea del Tuat" (il mondo sotterraneo, il mondo dei morti egiziani).

- Divertimento : significa " signora degli inferi che restituisce i corpi dei morti affinché possano vivere eternamente in abbondanza con Osiride nel suo regno celeste" .

- Khut : significa " portatore della luce di ogni nuovo anno" .

- Usert : significa " dea della terra" .

- Ankhet : significa " fonte della fertilità delle acque e della ricchezza minerale della terra" .

- Kekhet : significa " dea dei campi e di tutte le aree coltivate".

- Renenet : significa " dea delle messi nella valle del Nilo" .

- Tcheft : significa " dea del cibo offerto agli dei dall'impero faraonico egiziano" .

B) Gli attributi di Iside

La maggior parte delle rappresentazioni di Iside la mostrano con un copricapo da avvoltoio . L'avvoltoio giace sul ventre, mentre la sua testa poggia sulla fronte di Iside e le sue ali coprono i capelli di Iside. Iside indossa sempre una collana decorata con gioielli lussuosi ed è spesso dotata di lunghe ali (ali magiche che usa per riportare in vita Osiride). È spesso dotata anche di uno scettro a forma di ankh (il simbolo egiziano della vita a forma di croce).

Nelle sue rappresentazioni, Iside a volte indossa corone diverse al posto del copricapo da avvoltoio . Una di queste corone rappresenta le corna che circondano un disco solare rosso (che conferisce a Iside i poteri di Tefnut, la dea del Sole).

Iside, la dea egiziana della magia Sono state le ali magiche di Iside a dare a Horus la testa di falco.

C) I templi di Iside

Iside, la dea più famosa dell'Egitto, aveva diritto a due immensi templi, a Behbeit El Hagar e Philae (entrambi misurano 500 metri di larghezza, 400 metri di lunghezza e 60 metri di altezza). In breve, due templi che erano alcuni dei grandi monumenti dell'Egitto accanto a quelli di Luxor, Abu Simbel, Tebe e Karnak.

La costruzione del tempio di Behbeit El Hagar iniziò nel tardo periodo egiziano antico ( 1550 a.C.) . Questo tempio fu completato solo alla metà del periodo tolemaico (nel 1250 aC, in altre parole, un periodo di costruzione durato 300 anni). Purtroppo il tempio è oggi completamente demolito a causa dei segni del tempo.

Tempio di Iside a Philae Il Tempio di Iside a Philae, nell'antico Egitto di Cleopatra e Cheope .

Secondo gli esperti di egittologia, Behbeit El Hagar servì da modello per il Tempio di Iside a Philae nell'Alto Egitto . Gli egittologi ritengono che la costruzione del tempio sull'isola di Philae sia iniziata durante la 25a dinastia faraonica della civiltà egizia (750 a.C.). La costruzione fu completata solo in epoca greco-romana (300 aC, il che significa che la costruzione del tempio di Philae durò 450 anni! ).

Nei templi di Iside si potevano trovare molti disegni e statue di Iside e dei suoi animali protettivi: mucche, scorpioni, serpenti, colombe, falchi, avvoltoi e gufi.

A Iside furono concessi due templi dedicati esclusivamente a lei, un evento raro per le divinità egizie (con l'eccezione di Iside, solo gli dei Ra e Horus potevano possedere templi dedicati esclusivamente a loro).

Tuttavia, anche senza una vasta conoscenza egittologia, è facile capire perché Iside affascinasse così tanto gli antichi egizi: i misteri che la circondano e il suo ruolo proattivo nei miti di Osiride e Ra la mettono ovviamente sotto i riflettori del pantheon egiziano.

Il dio dell'Egitto
Torna al blog