The head of the jackal god

IMPOSTA ANIMALE

Sei incuriosito dal volto di Set, il dio egiziano del male? Vuoi sapere quale animale si nasconde dietro il grande cattivo del pantheon egiziano? Oppure vorresti scoprire la storia mitologica egiziana legata a Set?

Siamo qui per rispondere a tutte queste domande come esperti dell'antico Egitto.

L'animale di Set rimane uno dei più grandi misteri degli dei egizi. Si dice che l'animale a cui è ispirata la testa di Set, l'oritteropo del Capo, possieda diverse caratteristiche di altri animali del deserto. Vivendo nell'ombra e approfittando dell'oscurità per cacciare, questo animale è la personificazione del dio del male che rappresenta: Set.

In questo articolo scoprirai:

  • Chi è il misterioso animale che presta la testa a Set?
  • Che posto occupa Set nella mitologia egizia?

L'animale di Set e la sua storia presto non avranno più alcun mistero per voi. Le porte della mitologia egiziana aspettano solo che tu si apra!

Scopriamolo tutto insieme adesso!

1) L'animale di Set

Set è il dio egiziano del male, delle tempeste e del caos. Ritenuto particolarmente malvagio, Set è particolarmente presente nel "mito di Osiride", in cui si oppone tanto a Osiride quanto a Horus, il figlio di quest'ultimo.

Set è una divinità avvolta nel mistero: prima per la sua posizione di dio del male , poi per la sua testa ispirata ad un animale che non fu più identificato per molto tempo dopo la caduta dell'impero egiziano.

Innanzitutto scopriremo l'animale che si nasconde dietro il dio del caos dell'antico Egitto.

Set e Horus con un faraone

Set (a sinistra) e suo nipote Horus (a destra), mentre concedono la loro benedizione a un faraone egiziano.

A) Una testa ispirata a tanti animali del deserto

L' insolita testa di Set ha portato molti archeologi ed egittologi a credere che fosse ispirata ad un animale immaginario. In effetti, la ricerca dell'identità di questo enigmatico animale non è facile poiché le rappresentazioni di Set possiedono entrambi :

  • Muso ricurvo e molto lungo
  • Orecchie sottili e tese, di forma quasi quadrata
  • Coda sempre eretta anche quando punta verso l'alto.
  • Un corpo canino (o un corpo umano muscoloso nelle sue rappresentazioni più recenti nell'antico Egitto)

Così, nel corso dei secoli, molti animali sono stati identificati come "l'animale di Set":

  • Cugini del coniglio (il fennec, la gerboise, il levriero, la lepre egiziana)
  • Cugini dell'antilope (la giraffa nubiana, l'asino, l'orice)
  • Cugini del maiale (l'oritteropo e il tapiro)
  • L'okapi (un cugino stretto della zebra)

Tuttavia, nessuno di questi animali è riuscito a dimostrare che si trattasse del vero "animale di Set".

B) L'oritteropo del Capo

L'oritteropo è ovviamente cugino del maiale, ma ha molto in comune con il lato oscuro di Set.

Infatti, l'aardvark del Capo è un animale ancora presente nell'Egitto moderno che vive solo di notte e adotta alcuni comportamenti non comuni che lo rendono la perfetta rappresentazione del "dio del male":

- Essendo un animale notturno, può essere considerato un " divoratore di anime " per la sua capacità di divorare intere case di formiche in pochi istanti (l'oritteropo può divorare fino a 50.000 formiche di notte grazie alla sua lingua che misura fino a 30 centimetri in lunghezza).

- È un animale che stabilisce sempre la sua tana in prossimità dei confini dei villaggi . Pertanto, l' aardvark del Capo si trova al confine tra il noto e l'ignoto.

- È capace di spaventare anche gli egiziani più coraggiosi che lasciano i loro villaggi per il modo in cui reagisce quando incontra un essere umano. Infatti, la sua reazione naturale in questa situazione è quella di correre freneticamente a zigzag, lanciando grida acute e facendo grandi salti.

È molto probabile che all'oritteropo siano state innestate caratteristiche che non erano originariamente sue per renderlo l'animale favoloso di Set. Possiamo quindi concludere che l'animale di Set è una versione fantastica dell'oritteropo del Capo che ha ricevuto piccoli elementi da altri animali contemporanei !

L'oscurità è il regno dell'aardvark del Capo, che qui esce dalla sua tana per cacciare.

2) Ambientato nella mitologia egiziana

Ora conosci il segreto del leggendario "animale di Set". Ma questo animale è mitico solo perché Set è mitico: si distingue dal resto degli dei egiziani in tre grandi miti dell'Egitto:

- Nel mito di Osiride , Set gioca un ruolo fondamentale perché è il grande cattivo della storia.

- Nella lotta contro Horus , Set cerca di usurpare il trono d'Egitto.

- Nel mito della barca solare di Ra , invece, Set appare in una forma che ripristina la sua immagine di dio strettamente malvagio.

A) Chi è impostato?

Il mito di Osiride ci racconta la storia di Osiride e dei suoi tre fratelli e sorelle Set, Iside (essendo anche, come vedremo, la moglie di Oriside) e Nefti (essendo anche la moglie di Set).

Osiride si distingue come il leggendario sovrano dell'Egitto , progettista dell'agricoltura e costruttore della religione egiziana. Fu lui a lanciare la costruzione della mitica civiltà del Nilo e a consentirne il rapido sviluppo con una facilità sconcertante. È considerato il faraone perfetto ed è adorato dal suo popolo per le sue molteplici virtù: saggezza, intelligenza e benevolenza.

Pazzo di gelosia di fronte a ciò che Osiride compie, Set decide allora di complottare per sbarazzarsi di suo fratello . Potrà così diventare il sovrano incontrastato di tutto l'Egitto adorato e acclamato dal suo popolo.

Per raggiungere il suo scopo, Set fece costruire un magnifico scrigno sulle perfette dimensioni di Osiride, ornato di preziosi gioielli. Set invita Osiride ad un grande banchetto organizzato in suo onore e promette di offrire questo favoloso scrigno a chiunque riesca ad entrarvi. Poiché il baule è progettato esclusivamente per contenere Osiride, nessuno ci riesce tranne, ovviamente, Osiride.

Una volta dentro, Set chiude subito il coperchio e getta il fratello nel Nilo . Osiride annega, Set diventa re d'Egitto e contemporaneamente inventa il primo sarcofago.

La cassa va alla deriva fino a Byblos in Fenicia, dove rimane incastrata nelle radici di un albero. Immediatamente l'albero inizia a crescere ad una velocità incredibile. Il re della provincia rimane impressionato dall'albero, che è diventato immenso. Senza sapere che nel suo tronco si trova il corpo di Osiride, il re della Fenicia decide di abbattere l'albero per utilizzarlo come colonna del suo futuro palazzo.

Quando Iside viene a sapere della morte del suo amato, va alla ricerca di Osiride . Entra nel palazzo del re trasformata in una vecchia e salva il figlio del re malato con un semplice tocco . Eternamente indebitato, il re le chiede di scegliere come ricompensa uno qualsiasi dei suoi beni. Sceglie la colonna, recupera il corpo del marito e torna in Egitto per nasconderlo.

Poiché Iside non riesce a vivere senza suo fratello e suo marito, implora l'aiuto di altri dei per riportarla in vita. Ra e Anubi sentono la sua chiamata e Iside riesce a resuscitarlo abbastanza a lungo da concepire con Osiride un bambino, Horus, il dio dalla testa di falco .

Eppure, mentre prende parte ad una battuta di caccia organizzata in onore della sua futura incoronazione, Set ritrova suo fratello . Preso da un'insaziabile sete di vendetta, fa a pezzi Osiride e li sparge per tutto l'Egitto . Nell'antico Egitto esistevano molte teorie antiche sul numero dei pezzi del corpo di Osiride. Secondo alcuni testi è 14 (corrispondente in numero di giorni a mezzo ciclo lunare), 16 (la profondità del mare in cubiti egiziani che consente una navigazione ottimale) o 42 (il numero delle province dell'antico Egitto).

Les ailes d'Isis

I poteri di Iside sono espressi attraverso le sue ali magiche. Suo figlio, Horus, nato a seguito di questa particolare magia, trae da questo fatto la sua testa come un dio falco.

Iside cercò di raccogliere i pezzi del marito per consentirgli una vera sepoltura. Purtroppo, nel mito di Osiride, non riuscì a trovare il pene di Osiride, l'unica parte mancante che fu mangiata e digerita da un pesce prima che Iside potesse recuperarne tutti i pezzi. Così, Osiride, non completamente imbalsamato , non poté più prendere il suo posto come sovrano dei vivi e divenne il sovrano del regno dei morti.

B) Set e Horus

Come avrai capito, Set era profondamente oscurato dalla sua gelosia per le funzioni di Osiride. Difese quindi instancabilmente il luogo che considerava suo per restare padrone indiscusso dell'Egitto.

Set troverà quindi sulla sua strada il figlio di Osiride, Horus, che rivendicherà il trono d'Egitto per diritto naturale di successione al padre. Horus e Set si confronteranno così nel corso di varie prove che porteranno alla cacciata di Set nel deserto e all'ascensione faraonica di Horus.

Seth, il fratricidio Le prove contrapposte in Set e Horus sono numerose e diventano sempre più violente col passare del tempo.

C) Il dio egiziano del caos

Tuttavia, Set non è solo il dio del male, spesso citato. È anche un fervente difensore del mondo umano .

Secondo il mito del dio Ra (il dio del Sole dalla testa di falco), ogni giorno Ra illumina il mondo grazie alla sua nave celeste "la nave di milioni di notti".

Il compito però non è facile perché Apep, il malvagio serpente egiziano , cerca di mangiarlo ad ogni incrocio. Ra deve quindi prendere misure per evitare che lui e la sua barca vengano mangiati da Apep perché questo farebbe ricadere il mondo nell'oscurità originale.

Così, per riuscire nel suo pericoloso viaggio, molte divinità egizie si avvicendano per proteggere il dio Sole! Tra queste divinità, Set, il dio delle tempeste, scatena venti e fulmini per respingere Apep e la nuvola di demoni e anime malvagie che lo accompagnano. Grazie a Set, Ra ha sempre potuto portare a termine la sua traversata per illuminare il mondo mortale.

Barge de Râ

Ad ogni incrocio Ra viene attaccato dai demoni agli ordini di Apep e soprattutto dallo stesso serpente gigantesco.

Il dio egiziano Set

Come avrete capito, Set è sicuramente una delle divinità più ambivalenti della mitologia egizia. Vittima o carnefice, Set resta uno dei pilastri della religione politeista egiziana, sia per la sua funzione di protettore del Sole, sia per la sua funzione di grande dio del male.

Questa conoscenza ora in tuo possesso, puoi condividerla intorno a te e comprendere meglio questo labirinto mitologico che rappresentano gli dei dell'antico Egitto.

E se tutto questo ti ha incuriosito ancora di più e se desideri sfoggiare con orgoglio i simboli degli dei mentre prosegui il tuo pellegrinaggio, ti offriamo un'ampia gamma di collane, bracciali e anelli per permetterti di farlo!

Scopriteli semplicemente cliccando sull'immagine qui sotto.

Il dio dell'Egitto
Torna al blog