Passa alle informazioni sul prodotto
1 su 6

Ancienne Égypte

Bracciale Ankh in metallo<br> (Acciaio)

Bracciale Ankh in metallo<br> (Acciaio)

Prezzo di listino CHF 23.00
Prezzo di listino Prezzo scontato CHF 23.00
In offerta Esaurito

Un moderno bracciale egizio in acciaio sul quale è intarsiato il simbolo egizio di Osiride, l'ankh. Anche se oggi non sappiamo a cosa sia dovuta la forma di questo antico simbolo, sappiamo comunque che esso rappresentava la "chiave della vita eterna" nel mondo dell'antico Egitto .

  • Acciaio inossidabile 316L : invecchia nobilmente nel tempo
  • Dimensioni : 8,25" (21 cm di circonferenza)
  • Molto comodo da indossare
  • Dettagli curati
  • SPEDIZIONE STANDARD GRATUITA

📏Puoi fare riferimento alla nostra GUIDA ALLE MISURE per scegliere la taglia giusta tra quelle proposte. 📏

Amico dell'antica terra di Horus, Sobek e Iside? Che dire di questo braccialetto egiziano "gentiluomo Apep" (acciaio) ? Puoi anche dare un'occhiata a tutti i nostri braccialetti egiziani . Infine, puoi anche scoprire la nostra collezione completa di gioielli egiziani .

Wepwawet Anubis faraone Narmer Anput (Medio e Nuovo regno)

Un braccialetto ankh

L' ankh sembra una grande T con un cappio in cima (la parte che era tenuta dagli dei nelle rappresentazioni artistiche egizie). L'ankh divenne il segno egiziano della vita e il simbolo e l'attributo di tutte le divinità.
Molti egittologi credono che, nel simbolismo e nelle credenze dell'antico Egitto, questo simbolo avrebbe dovuto dare l'immortalità e la salute eterna. Era anche un simbolo di riconciliazione con gli dei dell'aldilà, dando accesso alla vita eterna e felice offerta dal faraone-dio Osiride.

Un braccialetto dell'antico Egitto

Secondo il sacerdote egiziano Maneton , il primo re d'Egitto fu Menes. Menes era il figlio del re dell'Alto Egitto Narmer ed è oggi considerato il primo sovrano della "Prima dinastia dei faraoni".
Infatti, all'inizio del regno di Menes , l'antico Egitto che conosciamo oggi era diviso in due parti: il Basso Egitto e l'Alto Egitto che Menes unificherà. Pertanto, il nome "Menes" (che può essere tradotto come "Colui che preserva") è un soprannome abbastanza appropriato per il sovrano che compì l'opera di unificazione dell'Egitto.
Visualizza dettagli completi